Giuseppe De Lorenzo Andrea Indini Il piano segreto, le direttive agli ospedali, il divieto di fare autopsie e i pochi tamponi: tutti i buchi del "modello italiano" Sono casi fotocopia. L'insorgenza del virus, le...

Gli errori nelle carte del governo: così Covid è dilagato in Italia


Il piano segreto, le direttive agli ospedali, il divieto di fare autopsie e i pochi tamponi: tutti i buchi del “modello italiano”

Sono casi fotocopia. L’insorgenza del virus, le difficoltà nel riconoscerlo e poi l’ondata di morte. In tutti i Comuni focolaio, nelle prime ore del contagio, i medici si scoprono senza armi. Sebbene il governo sappia da settimane i rischi a cui il Paese sta andando incontro, le direttive ministeriali sono farraginose, le mascherine Ffp3 sono introvabili e i respiratori adatti a tenere in vita i casi più gravi di Covid insufficienti a far fronte allo tsunami sanitario che ci sta travolgendo. Al netto di tutte le polemiche, che seguiranno nelle settimane successive alla scoperta del “paziente 1” a Codogno, il vero vulnus, che alla fine di febbraio fa precipitare la situazione, è l’inazione del governo.

Perché, sebbene il 20 gennaio abbia già in mano un documento tanto allarmante da preferire di non divulgarlo per “non spaventare i cittadini”, rimane con le mani in mano? “Non c’è stato alcun vuoto decisionale – assicura al Corriere della Sera il direttore generale della Programmazione sanitaria, Andrea Urbani – già dal 20 gennaio avevamo pronto un piano secretato e quel piano abbiamo seguito. La linea è stata non spaventare la popolazione e lavorare per contenere il contagio”. Si tratta di uno studio ipotetico, per carità. Ma già in quelle 55 pagine si capisce che il rischio per il Paese è altissimo. Eppure nessuno si muove. Le direttive ministeriali non vengono aggiornate. Tanto che a fine febbraio è ancora in vigore quella approvata il 27 gennaio che considera “casi sospetti” solo quelle persone con una “infezione respiratoria acuta grave” che siano anche state in “aree a rischio della Cina”, che abbiano lavorato o frequantato “un ambiente dove si stanno curando pazienti” colpiti da Covid-19 o che abbiano avuto contatti stretti con un “caso probabile i confermato da nCoV”. Sulla base di queste linee guida, mai e poi mai si farebbe il tampone a Mattia, il 38enne ricoverato all’ospedale di Codogno con una polmonite che non risponde alle cure convenzionali. È grazie all’intuito di un’anestesista che, assumendosi la responsabilità di fargli il test “anche se i protocolli italiani non lo giustificano”, sblocca la situazione e apre gli occhi al governo e all’intero Paese.

[[fotonocrop 1861999]]

C’è anche un’altra direttiva del ministero della Salute che, se applicata alla lettera, non permetterebbe mai di arrivare a scoprire l’utilità dell’eparina per sconfiggere il coronavirus. È quella che dispone di non fare autopsie sui pazienti uccisi dal Covid-19. Il motivo è evitare di “perdere tempo” con casi di cui si conosce già l’esito. Ma all’ospedale Papa Giovanni XXII, come raccontato dal Corriere della Sera, il direttore del dipartimento di Medicina di laboratorio e Anatomia patologia, Andrea Gianatti, decide di fare di testa sua. E, insieme a Aurelio Sonzogni, si mette a fare autopsie già dal 23 marzo. “È stato chiaro abbastanza presto che questa malattia si stava manifestando in forma diverse, multiple”, spiega. La necessità di capire li porta così a scoprire l’utilità dell’eparina contro le trombosi.

[[fotonocrop 1862001]]

L’altra grande ferita riguarda i tamponi. In molti ormai si sono persuasi all’idea che per frenare il contagio serva un tamponamento di massa per scovare anche gli asintomatici. Ma su questo tema il governo (e gli esperti dell’Iss) hanno sempre sostenuto la tesi opposta. Il 27 febbraio Angelo Borrelli e il direttore dell’Iss, Franco Locatelli, annunciano che da quel momento in poi solo i sintomatici verranno sottoposti al test per il coronavirus. L’Iss lo mette per iscritto in un documento in cui spiega come non sia “scientificamente giustificabile” realizzare esami a tutti, visto che “nella larghissima maggioranza dei casi risulteranno essere negativi”. Inoltre, secondo gli esperti il contributo degli asintomatici alla diffusione dell’epidemia “appare limitato”. Meglio quindi non sprecare i materiali. Ed è per questo che l’Italia nella prima fase dell’epidemia deciderà di realizzare pochi, pochissimi test.

[[fotonocrop 1862000]]

L’unica Regione a muoversi diversamente è il Veneto, che sin da subito applica la regola del “tampone a strascico”. Tradotto: sottoporre alle analisi quanti più cittadini possibile, in modo da contenere il contagio. I numeri oggi ci dicono che la strategia veneta era azzeccata. Dunque viene da chiedersi: perché non l’ha adottata sin da subito anche il governo? I motivi sono almeno due. Il primo è di natura “politica”: in un primo momento, per evitare che l’Italia venisse disegnata come il grande lazzaretto d’Europa, si è preferito “vedere” meno contagi. Il secondo è invece pratico: il Belpaese non era (e non è) attrezzato per realizzare tanti tamponi quanti ne servirebbero. A dirlo è lo stesso ministero della Salute, che in una circolare del 3 aprile certifica le “carenze nella disponibilità di reagenti necessari per l’esecuzione di questi test” e suggerisce di dare la priorità ad alcune categorie più a rischio (ricoverati, operatori sanitari, anziani), isolando “tutti gli altri individui che presentano sintomi”, ma senza sottoporli a “test supplementari”. Cioè lasciandoli nell’incertezza. Intanto però il virus circola. Contagia. E uccide.

Speciale: